Teatro Ragazzi G. Calendoli ONLUS

Teatro Ragazzi G. Calendoli ONLUS Padova

 

TESTIMONIANZA SORRENTINO

Conosco Micaela e Renata da molti anni, da quando Micaela adolescente cominciava a muovere i primi passi nella gestione della sala durante gli spettacoli del Festival. Il suo mondo di teatro e teatranti le riempiva gli occhi e le frasi, e il suo entusiasmo si rifletteva in me, che non ero mai stata al Festival, come la rievocazione di un luogo lontano, magico e pieno di colori, che non capivo, non conoscevo, e che mi faceva restare sempre a bocca aperta. 

Ho cominciato a collaborare con loro nel periodo in cui la mia prima figlia ha compiuto due anni, e l’ho portata al Festival per la prima volta. Siamo rimaste incantate dall’atmosfera di festa e dalla capacità di Renata e Micaela di fare sentire noi, e gli altri 4-500 bambini e famiglie presenti in sala, come parte del tutto, in un ambiente di amici nonché protagonisti della scena. Dal primo spettacolo, siamo sempre tornate a prendere parte a questo rito insostituibile dei nostri autunni padovani, ed il Festival è entrato a far parte della vita e dell’immaginazione delle mie bambine in maniera così dominante che può capitare per esempio che la seconda, che a quasi due anni ne ha vissute già due edizioni, si stupisca per esempio, durante la celebrazione di un matrimonio, che non si spengano le luci, e che i protagonisti dello “spettacolo” non compaiano da dietro due tende rosse di velluto.

Nella mia attività di collaborazione con l’Istituto faccio la mia parte ogni anno nell’organizzazione di questo amato Festival, e lavoro alacremente con Renata e con Micaela perché tutto sia a posto, e non si inceppi il meccanismo all’ultimo momento. Eppure, ogni anno, finisco per sorprendermi per come siano loro, Micaela e Renata, a trasformare le visioni degli spettacoli in giro per l’Italia, le telefonate, gli incontri, e le interminabili battaglie per ottenere l’indispensabile per portare a compimento il Festival in un’incontenibile, magica festa.

 

Silvia Sorrentino

Museo Luzzati

Teatro Della Gran Guardia

Fondazione Caponnetto

Utopia